Funnel di vendita


Cos'è un funnel di vendita

In una strategia di digital marketing è fondamentale comprendere cosa sia un funnel di vendita e come portare un utente ad acquistare un prodotto del proprio ecommerce

Quando le persone visitano il tuo negozio di e-commerce, vuoi che riempiano i loro carrelli e spendano un sacco di soldi. È naturale. Ma cosa succede se non lo fanno? I consumatori conducono una vita attiva. Sono sempre alla ricerca di informazioni online e a volte non agiscono subito, almeno nel modo in cui vorresti che facessero. Ad esempio, i visitatori potrebbero rimbalzare immediatamente. Vengono chiamati dallo schermo del computer o arrivano a destinazione e spengono i loro dispositivi mobili. In ogni caso, non puoi sempre catturare un cliente alla prima visita.

Puoi, tuttavia, portarli nella tua canalizzazione di conversione e-commerce. Ogni azienda ha una diversa canalizzazione di conversione e-commerce a seconda delle specifiche di come gli utenti navigano nelle loro attività. Le fasi sono le stesse, ma le specifiche dipendono dal prodotto e dal pubblico. Ad esempio, alcune attività hanno canalizzazioni di conversione più brevi. Quando vendi un prodotto a basso costo, puoi convertire i visitatori più velocemente perché il prezzo diventa meno di un ostacolo.

L'importanza di creare un funnel di vendita e-commerce

Se non sai come appare la tua canalizzazione di conversione e-commerce, non puoi ottimizzare ogni fase per le vendite massime. Sapere quali aree influenzano maggiormente le conversioni ti consente di concentrarti su quelle aree e ottimizzare il tuo funnel. Ad esempio, la tua ricerca potrebbe indicare che i social media, in particolare Facebook, svolgono un ruolo enorme nelle conversioni. Il tuo folto gruppo di follower presta attenzione ai tuoi post su sconti e promozioni. Quando disponi di questi dati, puoi intervenire aumentando la tua attività su Facebook e incoraggiando i visitatori del tuo sito web a seguirti su Facebook. Inserendo un invito all'azione per Facebook, approfitti del sito Web esistente e attiri le persone nella tua sfera sociale.

Le 4 fasi del funnel di conversione dell'e-commerce

Una tipica canalizzazione di conversione dell'e-commerce prevede quattro fasi. Durante ogni fase, il consumatore prende decisioni in base alla sua percezione del tuo marchio, prodotto e concorrenza. Se ottimizzi per ogni fase della canalizzazione di conversione, genererai più entrate.

Fase 1: consapevolezza

In questa fase, i consumatori acquisiscono familiarità con il tuo marchio e ciò che offri. Riconoscono di dover risolvere un problema o raggiungere un obiettivo, quindi cercano soluzioni. Il tuo è solo uno in cui probabilmente inciamperanno. Ecco perché questa fase si rivela così critica. La fase di consapevolezza richiede contenuti educativi dal tuo marchio. Dimostra di essere generoso nel rinunciare a informazioni gratuite come post di blog, webinar, rapporti e guide.

Fase 2: interesse

Ora che hai posto il gancio, non puoi lasciare che il tuo pubblico scappi. Continua a fornire loro intrattenimento e valore educativo in modo che rimangano interessati ai tuoi prodotti. Replica quella strategia condividendo meme incentrati sul marchio sui social media, creando contenuti più utili per il tuo blog, coinvolgendo il tuo pubblico attraverso l'email marketing e pubblicando video su YouTube.

Fase 3: desiderio

Quando hai l'interesse del tuo pubblico, crea desiderio. Parla dei vantaggi del tuo prodotto, non delle sue caratteristiche, per far sì che i tuoi potenziali clienti desiderino gli stessi ottimi risultati.

Fase 4: azione

È ora di chiudere la vendita. Desideri che i tuoi potenziali clienti aggiungano il tuo prodotto ai loro carrelli degli acquisti, digitino i dati di pagamento e facciano clic su "Acquista ora". Esamina il tuo processo di checkout dall'inizio alla fine. Cosa potrebbe indurre qualcuno ad abbandonare il proprio carrello? Potrebbero essere campi modulo non necessari, spese di spedizione a sorpresa o mancanza di metodi di pagamento alternativi. Prova diverse pagine di pagamento per vedere quali elementi dovrebbero andare e quali devono essere aggiunti.

Ci sono tre passaggi che puoi compiere per creare una canalizzazione di conversione e-commerce che ti aiuti a identificare ciò che i tuoi clienti vogliono e di cui hanno bisogno. Vediamoli individualmente.

Passaggio 1: identifica il percorso del cliente

Google Analytics può aiutarti a mappare il percorso del cliente utilizzando rapporti come il flusso degli utenti. Scopri cosa fanno le persone quando arrivano su ciascuna delle pagine del tuo sito web:

  • I visitatori si comportano in modo diverso quando toccano per la prima volta la tua home page rispetto a quando trovano una delle pagine dei tuoi prodotti?
  • Quali sono i domini di riferimento che portano più traffico?
  • E quanti punti di contatto fa il consumatore medio prima di acquistare qualcosa?

Passaggio 2: mappa le fasi della canalizzazione sui trigger di conversione

Utilizzando le quattro fasi sopra descritte - consapevolezza, interesse, desiderio e azione - crea un piano per accompagnare i consumatori attraverso il tuo funnel di vendita. Elenca i tipi di contenuto che desideri offrire in ogni fase, ad esempio, e le pagine del tuo sito che desideri testare.

Passaggio 3: definire il punto in cui un visitatore si trasforma in un lead

Per la maggior parte delle attività di e-commerce, un visitatore diventa un lead quando consegna le informazioni di contatto, di solito un indirizzo email. Se questo è il punto in cui un visitatore diventa un lead di e-commerce, hai bisogno di una strategia di lead nurturing.

Decidi come aiuterai i consumatori a passare dalla consapevolezza all'interesse al desiderio all'azione. I tuoi abbonati e-mail dovrebbero ricevere contenuti progettati per tutte e quattro le fasi in modo da soddisfare l'intero pubblico di destinazione.


Ti potrebbero interessare

Cos’è un webinar e tutto quello che c’è da sapere per crearlo

Hai mai partecipato a un webinar e ti sei detto: "Vorrei poterlo fare"? C’è la probabilità che tu abbia preso in considerazione l'idea di ospitare un webinar, ma che l’idea di pianificarlo, configurarlo e promuoverlo ti abbia [...]

Perché è diventato fondamentale curare la versione mobile dei siti

John Mueller di Google ha fornito nuove informazioni sul nuovo Mobile First Index. La grande novità è che i siti solo desktop saranno completamente eliminati dall'indice, spariti. La data stabilita per quella che sarà a tutti gli [...]

Sette consigli per una strategia SEO natalizia di successo

SETTE CONSIGLI PER UNA STRATEGIA SEO NATALIZIA DI SUCCESSO

I consigli per creare una strategia SEO perfetta per le vacanze di Natale

I motori di ricerca rimangono il punto di partenza per milioni di shopping online. In [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe