Landing page


Come creare una landing page efficace

Qualche consiglio su come creare una landing page che riesca a convertire, così da non rinunciare mai alla loro efficacia.

La costruzione di una landing page efficace è un lavoro duro che va affrontato attraverso tutte le procedure delicate, ed è un passo obbligatorio per tutti coloro che vogliono realizzare il loro sito web. Un biglietto da visita indelebile che, in realtà, vi segna per sempre nella mente del visitatore.

Quanto è importante strutturare in modo corretto le proprie pagine di destinazione, e quali errori dovrebbero sempre essere evitati?

Landing page: cos’è?

La pagina d’atterraggio, o di destinazione, è il primo posto in cui l’utente giunge dopo aver fatto click sull’URL del vostro sito. La landing page efficace veicola immediatamente il vostro messaggio comunicativo trainante, e permette di dirigere il traffico al meglio delle tue possibilità. La landing page viene solitamente utilizzata per invitare l’utente a un’azione immediata: iscriversi alla newsletter, acquistare qualcosa, scaricare un documento gratis online o altro.

Una buona landing page è fonte di conversioni più alte, lo sapevi? Guida e converte immediatamente lo scopo dei visitatori che hanno deciso di entrare nella vostra comunità online.

Esistono molte risorse online per creare una landing page efficace, come ad esempio Landing Page Builder, che sono studiati appositamente per semplificare al massimo una procedura delicata come quella della creazione di una landing page.

Cosa non fare quando crei una landing page

Ecco alcuni errori molto diffusi che si rischia di fare quando si crea una landing page. Tieni presente che si tratta solo di alcuni elementi che potrebbero andare storti, ma abbiamo la massima fiducia che saprai prenderti cura delle tue landing in maniera impeccabile:

  • Struttura complessa e articolata. Una landing page troppo complessa rischia di spostare l’attenzione dell’utente e distrarlo verso altri argomenti o altri topic che hai toccato all’interno della pagina. Peggio ancora, un utente confuso potrebbe anche decidere di andarsene punto e basta, sapendo che su quello specifico link non deve cliccare mai più. “Troppo difficile”. Un buon modo per attirare l’attenzione dell’utente, è quella di fornirgli una risorsa, magari un wallpaper per il telefono o un pdf informativo di settore, gratis e in cambio della mail. In questo modo, si forma subito un mutuo scambio di informazioni e un piccolo legame con la comunità. Crea un modulo base ed efficace, con poche scritte e poco testo. Crea un form con poche informazioni obbligatorie e limitati a quelle, senza scordarti l’email.
  • CTA troppo generiche. A che serve una landing page se i link che portano a lei sono tutti costellati da call-to-action nebulose e generiche? Sii specifico! Guida l’utente dove vuoi vederlo andare. Ti risparmierai un sacco di grattacapi e di utenti che abbandonano di punto in bianco.
  • Non gestire gli utenti in base alla provenienza. La landing page dev’essere fluida e pensata per essere fruita con qualsiasi browser, da qualsiasi device, mobile o fisso. Così riuscirai a captare l’interesse di chiunque, indipendentemente dal suo mezzo d’accesso.

E tu, hai qualche consiglio per creare una landing page efficace?


Ti potrebbero interessare

Cos'è Google Trends e come usarlo in chiave SEO

Cos'è Google Trends e come usarlo in chiave SEO

Tutto quello che c’è da sapere su uno strumento gratuito proposto da Google e come può aiutare l’ottimizzazione SEO del tuo sito o ecommerce

Google Trends è una [...]

La frequenza di rimbalzo, un parametro da conoscere

Cosa si intende per frequenza di rimbalzo, perché è così importante e qual è la media ritenuta giusta per il proprio sito web

La frequenza di rimbalzo è un’analisi che misura il comportamento dei visitatori di un sito web o [...]

Blog Aziendale, perché è importante per un’attività

Indipendentemente dal fatto che tu abbia una piccola impresa o una multinazionale, avere e curare un blog è parte integrante della strategia di content marketing online.

Sono 4 i motivi per cui si deve scrivere un [...]
Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe