Smart Bidding


Una delle funzionalità più interessanti introdotto da Google di recente è lo Smart Bidding. Questo strumento permette di automatizzare le offerte da fare e sostituire la scelta manuale da parte dell’utente. Grazie ad un algoritmo avanzato di machine learning, tutte le offerte vengono determinate in automatico per parole chiave e gruppi di prodotti che ritiene più adatto sfruttando la storicità dell’account e tutti i parametri previsti per prendere questa decisione. Google esamina il comportamento storico della ricerca e i dati contestuali per prevedere la probabilità di una conversione e quindi aumenta le offerte quando una conversione appare più probabile. Questi dati contestuali possono includere la posizione, l'ora del giorno, i dispositivi degli utenti, il rendimento storico del tuo annuncio e una vasta gamma di altri fattori, a seconda di ciascuna query.

Le varie opzioni di Smart Bidding

Esistono cinque diverse strategie Smart Bidding che danno la priorità a un obiettivo di conversione specifico:

  • Massimizza le conversioni: ottimizza le offerte per massimizzare le conversioni dal tuo budget.
  • Ritorno sulla spesa pubblicitaria target: ottimizza le offerte per ottenere il ritorno sulla spesa pubblicitaria target dal budget.
  • CPA target: ottimizza le offerte per mantenere il costo per azione (CPA) target rispetto al budget, ovvero l'importo che paghi per ciascuna conversione.
  • Quota impressioni target: imposta le offerte per mostrare il tuo annuncio nella parte superiore della pagina il più spesso possibile.
  • CPC ottimizzato: ottimizza il costo per clic (CPC) massimo per massimizzare le conversioni.

Perché usare la strategia Smart Bidding

Come per qualsiasi cosa in PPC, non esiste una strategia perfetta per ogni situazione ed è importante comprendere i pro dello Smart Bidding

  • Risparmia tempo
  • Ti permette di "impostare e dimenticare" le campagne
  • Google ha molti più dati con cui lavorare di te
  • Apre Google Ads alle piccole imprese

Oltre all’evidente risparmio di tempo, Smart Bidding si occupa dell'ottimizzazione delle offerte per te e questo significa che puoi "impostare e dimenticare" le campagne. Google ha anche molti più dati con cui lavorare rispetto a qualsiasi inserzionista.

Il caso d'uso più ovvio di Smart Bidding è una piccola impresa che desidera iniziare a utilizzare Google Ads senza le conoscenze tecniche per ottimizzare le offerte o i mezzi per assumere un'agenzia. Detto questo, esistono veri e propri scenari di campagna in cui Smart Bidding può essere utile:

  • Consapevolezza del marchio: la quota impressioni totale può rendere più visibili il tuo marchio, i nuovi prodotti e altre offerte.
  • Aumenta il traffico: massimizza i clic e puoi generare più traffico con cui lavorare.
  • Aumenta le conversioni: massimizza le conversioni e le tue offerte si adatteranno di conseguenza.


Sviluppi siti web? Scopri i piani MultiHosting

Hosting Multidominio


Ti potrebbero interessare

Come scegliere un dominio, cosa fare e cosa non fare

Hai pensato ad un sito web e stai cercando il nome di un dominio? Ecco cosa devi fare e cosa non devi assolutamente fare

Ti sei imbattuto in un nuovo brillante concetto. E adesso cosa? Prima di trasformare la tua idea in business, [...]

I trend da conoscere nel mondo dei contenuti

Il content marketing e la SEO hanno raggiunto degli ottimi risultati. Ci stiamo dirigendo verso un futuro luminoso di contenuti più utili e tecnicamente sorprendenti che siano in linea con le abitudini, le preferenze e le esigenze di [...]

Super Follow, la nuova funzione di Twitter per monetizzare

Continua la sfida tra i vari social network per migliorare le piattaforme e offrire sempre più funzionalità per gli utenti. Questa volta è il turno di Twitter che ha annunciato un paio di grandi funzionalità in arrivo: la possibilità [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe