Google Analytics


Negli ultimi giorni Google ha annunciato cambiamenti radicali per Analytics con l’inserimento di quattro funzionalità che rivoluzioneranno l’approccio che gli utenti hanno nei confronti di questo utilissimo strumento. Le 4 caratteristiche chiave disponibili nel "nuovo" Google Analytics sono:

  • Informazioni più intelligenti che utilizzano l'apprendimento automatico per identificare le tendenze.
  • Maggiore integrazione con Google Ads.
  • Misurazione dei dati incentrata sul cliente.
  • Controlli dei dati più granulari.

In un annuncio, Google cita uno studio che mostra che gli operatori di marketing attualmente trovano difficile ottenere una visione completa dei clienti e raccogliere informazioni utili dai loro dati. L'aggiornamento di Google ad Analytics permette di “aiutare ad ottenere un ROI migliore dal tuo marketing a lungo termine, stiamo creando un nuovo Google Analytics più intelligente che si basa sulle fondamenta della proprietà App + Web che abbiamo introdotto in versione beta l'anno scorso. Ha l'apprendimento automatico al centro per far emergere automaticamente informazioni utili e ti offre una comprensione completa dei tuoi clienti su dispositivi e piattaforme".

Tendenze di dati offerti da Google Analytics

Google Analytics è ora in grado di avvisare i professionisti del marketing di importanti tendenze di dati. Ciò è reso possibile utilizzando i modelli di machine learning esistenti di Google. Ad esempio, Google Analytics può utilizzare i dati del sito web per identificare i prodotti in aumento nella domanda a causa delle nuove esigenze dei clienti. Queste capacità possono aiutare i professionisti del marketing a essere proattivi, oltre che reattivi, prevedendo le azioni future che i clienti potrebbero intraprendere. Ad esempio, calcola la probabilità di abbandono in modo da poter investire in modo più efficiente per fidelizzare i clienti in un momento in cui i budget di marketing sono sotto pressione.

Nuove metriche predittive verranno aggiunte nel tempo, come la stima dei potenziali ricavi che i professionisti del marketing possono guadagnare da un gruppo definito di clienti. Infatti l’integrazione profonda con Google Ads consente di creare segmenti di pubblico in grado di raggiungere i clienti con esperienze più pertinenti e utili, ovunque scelgano di interagire con la propria attività. Google Analytics ora misura le interazioni sul Web e nelle app, il che significa che può generare rapporti sulle conversioni come le visualizzazioni di YouTube che si verificano in-app e sul Web.

Scoprire l’intero ciclo di vita del cliente

La misurazione incentrata sul cliente di Google Analytics utilizza più spazi di identità, inclusi ID utente forniti dagli operatori di marketing e segnali Google univoci da parte degli utenti che hanno attivato la personalizzazione degli annunci. Si potranno vedere se i clienti hanno prima scoperto un'attività da un annuncio sul Web e successivamente hanno completato un acquisto sull'app dell'azienda. A lungo termine, si potrà acquisire una migliore comprensione dell'intero ciclo di vita del cliente, dall'acquisizione alla conversione e alla fidelizzazione. Un esempio riguarda la possibilità di vedere quali canali stanno guidando nuovi clienti nel rapporto sull'acquisizione di utenti, quindi utilizzare i rapporti sul coinvolgimento e sulla fidelizzazione per capire le azioni che questi clienti intraprendono e se rimangono, dopo la conversione.

Nuovo approccio ai controlli dei dati

Google Analytics offre ora controlli dei dati più granulari che possono essere utilizzati per gestire il modo in cui i dati vengono raccolti e conservati. Questi controlli possono essere utilizzati anche per specificare come i dati devono essere utilizzati per la pubblicità. In questo modo si potranno ottimizzare gli annunci e/o limitare l'utilizzo dei dati solo alla misurazione. Google osserva che queste opzioni possono aiutare gli operatori di marketing ad adattarsi a un potenziale futuro con cookie o identificatori limitati.


Ti potrebbero interessare

Cos’è un webinar e tutto quello che c’è da sapere per crearlo

Hai mai partecipato a un webinar e ti sei detto: "Vorrei poterlo fare"? C’è la probabilità che tu abbia preso in considerazione l'idea di ospitare un webinar, ma che l’idea di pianificarlo, configurarlo e promuoverlo ti abbia [...]

Perché è diventato fondamentale curare la versione mobile dei siti

John Mueller di Google ha fornito nuove informazioni sul nuovo Mobile First Index. La grande novità è che i siti solo desktop saranno completamente eliminati dall'indice, spariti. La data stabilita per quella che sarà a tutti gli [...]

Sette consigli per una strategia SEO natalizia di successo

SETTE CONSIGLI PER UNA STRATEGIA SEO NATALIZIA DI SUCCESSO

I consigli per creare una strategia SEO perfetta per le vacanze di Natale

I motori di ricerca rimangono il punto di partenza per milioni di shopping online. In [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe