Una delle operazioni più critiche, quando configuriamo un client di posta elettronica, è la specifica dei parametri di collegamento al server di posta. Sia che usiamo Outlook, Thunderbird o Apple's Mail, la configurazione del client significa inserire i dati di accesso ai server per i diversi protocolli, quali ad esempio POP, SMTP o IMAP. Si tratta di un'operazione tutto sommato semplice, che non richiede competenze tecniche specifiche, ma le possibilità di errore non sono trascurabili. E' forse per questo motivo che molti utenti scelgono di accedere alla posta via webmail, rinunciando alla possibilità di lavorare offline, evitando così di mettere mani alla configurazione di un programma mail client.

Oggi proveremo a fare un po' di chiarezza sui diversi protocolli utilizzati per gestire la posta elettronica, allo scopo di fornire le competenze di base che dovrebbero rendere meno ostica la configurazione di un client di posta. Questa conoscenze ci serviranno, tra l'altro, a capire meglio i meccanismi di accesso alle caselle di posta di una VPS, oppure al servizio BCMail di AziendeItalia.

Introduzione

Il servizio di posta elettronica è un esempio di architettura client-server. Qualsiasi sia il protocollo utilizzato, o il programma usato per leggere la posta, da qualche parte abbiamo un server di posta che comunica con il client locale. Quest'ultimo può essere un client tradizionale, come ad esempio Outlook, oppure un browser (se usiamo la webmail). Vi sono molte differenze tra i vari client, ma questo lascia inalterata l'architettura di base: in tutti i casi la posta viene gestita dal server e l'utente vi accede tramite un programma client. A seconda del protocollo, e quindi della modalità di lavoro, cambiano alcune funzionalità, come vedremo caso per caso.

Accesso via POP e SMTP L'accesso alla posta elettronica attraverso i protocolli POP e SMTP può essere considerato il modo tradizionale di consultare l'e-mail. Il client scarica i messaggi dal server mediante il protocollo POP (Post Office Protocol), detto anche POPmail. Ogni volta che il client controlla la posta in arrivo viene aperta una connessione POP tra client e server, che resta aperta mentre viene scaricata la posta, e chiusa al termine del processo. Questo non implica che i messaggi vengano cancellati dal server: è possibile configurare l'accesso POP in modo da mantenere una copia dei messaggi sul server anche dopo averli scaricati. Quando viene spedita la posta, il cliente apre una connessione SMTP (Simple Mail Transfer Protocol)verso il server, il quale si occupa di ricevere la posta e occuparsi della consegna.

Protocolli di posta

Protocolli di posta

Accesso via HTTP

E' la modalità di lavoro via webmail. Il ruolo del client viene svolto da un browser, che consulta le pagine di una web application installata sul server remoto. La comunicazione in questo caso è sostanzialmente identica alla normale navigazione su internet: da un punto di vista tecnico non c'è differenza tra consultare la mail via browser o accedere ad una qualsiasi altro servizio autenticato. Ovviamente, nella maggioranza dei casi, la comunicazione client-server della webmail avviene in modalità sicura, attraverso il protocollo HTTPS anziché HTTP, ma le differenze riguardano le modalità di trasporto (SSL) e non ci interessano in questa sede.

Trattandosi di una normale navigazione su internet, i contenuti visualizzati nel browser sono presenti in locale solamente in qualità di risorse del browser. Possiamo lavorare offline, salvare le pagine della mail o rivedere la posta già consultata al termine del collegamento, ma non possiamo visualizzare il contenuto di una mail qualsiasi, come ad esempio una mail di cui abbiamo letto solo l'oggetto: ogni “e-mail” viene trattata come una pagina web, pertanto non viene scaricata in un formato gestibile localmente, ma è presente solamente tra i files temporanei del browser.

Accesso via IMAP e SMTP

E' una delle modalità di lavoro più moderne. La trasmissione della posta avviene sempre via SMTP, come nel caso tradizionale (vedi sopra). La ricezione avviene invece attraverso il protocollo IMAP (Internet Message Access Protocol), che in linea di massima assomiglia al precedente POP, ma offre alcune interessanti novità:

  • Connessione persistente: un client IMAP non si disconnette dal server dopo aver scaricato la posta, ma rimane connesso. Questo permette di realizzare le funzionalità sottoelencate
  • Sincronizzazione degli attributi: grazie alla persistenza della connessione client-server, il client può notificare al server qualsiasi cambiamento locale. Quando l'utente legge una mail, assegna un'etichetta o sposta la mail in una cartella, queste operazioni vengono comunicate al server. In questo modo sul server sono sempre presenti tutte le informazioni relative alla posta elettronica: differenze tra messaggi letti e da leggere, etichette, commenti, risposte e qualsiasi altro attributo della posta elettronica
  • Molteplicità di utenti e client: la sincronizzazione degli attributi tra client e server permette di utilizzare la stessa casella di posta tra utenti diversi, o tra programmi client diversi, anche contemporaneamente. Esempio: posso accedere alla posta via Thunderbird e col browser nello stesso istante, e lavorare su entrambi i client. Quando leggerò un messaggio con Thunderbird vedrò cambiare lo stato della mail anche nel browser, e viceversa. Potrei anche accedere alla stessa casella di posta via smartphone, spostare la mail in una nuova cartella, et voilà: il cambiamento si rifletterà anche su Thunderbird e nel browser.

Esistono altre differenze tra i protocolli POP e IMAP, ma quelle elencate qui sopra sono probabilmente le più importanti dal punto di vista dell'utente. Il supporto del protocollo IMAP, da parte di un server di posta, permette un uso più flessibile e moderno della posta elettronica, trasformando i client di posta in una sorta di thin client e delegando al server il compito di memorizzare le modifiche operate dall'utente. Nelle prossime puntate vedremo alcuni esempi di configurazione delle interfacce IMAP e SMTP, con particolare attenzione ai servizi di posta offerti da AziendeItalia.