Come cambiare il tema di WordPress


Come cambiare il tema di WordPress

Sapevi che attivare un nuovo tema di WordPress potrebbe causare problemi alle funzionalità del sito? Ecco una breve guida per sistemare eventuali errori o problemi o prenderli sul nascere,

La domanda può sembrare scontata, ma come si cambia un tema di WordPress senza che il sito cada a pezzi per le successive quattro ore di tentativi di dargli una sistemata? In questa breve guida vi illustreremo come fare in maniera sicura, così da evitare che un elemento così importante e “radicato” all’interno del sito possa compromettere il funzionamento e l’esperienza d’uso.

Pensate che sostituire un tema di WordPress sia facile come schiacciare il bottone “Attiva”? Forse siete un po’ fuori strada. È assai probabile infatti che una volta effettuata l’attivazione del nuovo template si possano verificare diversi errori e intoppi che renderanno lo switch un vero e proprio incubo.

Istruzioni per modificare il tema di WordPress:

  • Installa una copia di staging del tuo sito web
  • Installa il tuo nuovo tema e visualizzalo in anteprima
  • Attiva il nuovo tema
  • Risolvi gli errori e sostituisci gli elementi mancanti
  • Sposta il tuo sito web in produzione

Il motivo di tutte queste complesse procedure risiede nel fatto che ogni template presenta molteplici differenze stilistiche che portano ogni grafica a variare, anche molto, le caratteristiche, la configurazione e l’aspetto del sito. L’obiettivo del backup di cui sopra è quello di salvare il salvabile nel caso in cui qualcosa vada storto. Se alcuni elementi saltano, dunque, potrai riportare il sito a uno stato precedente, così che qualora non fossi in grado di individuare le criticità in breve tempo, potrai riportare il sito allo stato originale.

Più il tema è legato al design del sito, più il passaggio di questi potrebbe portare a problemi che devono essere risolti al più presto:

  • Problemi con le funzionalità principali del sito web, come ad esempio problemi con la barra di navigazione, con i moduli di contatto o con importanti sezioni del vostro sito;
  • Disattivazione di shortcodes
  • Rimozione o avaria dei widgets

Cambiare il tema di un sito che usa un suo page builder può richiedere una transizione particolarmente lunga. E' per questo che sui nostri piani dedicati all'hosting di WordPress abbiamo implementato, fra le altre cose, anche la funzionalità di staging, così da permetterti di sperimentare liberamente con la nuova grafica del sito senza perdere salvataggi pregressi.


Ti potrebbero interessare

Cos'è Google Trends e come usarlo in chiave SEO

Cos'è Google Trends e come usarlo in chiave SEO

Tutto quello che c’è da sapere su uno strumento gratuito proposto da Google e come può aiutare l’ottimizzazione SEO del tuo sito o ecommerce

Google Trends è una [...]

La frequenza di rimbalzo, un parametro da conoscere

Cosa si intende per frequenza di rimbalzo, perché è così importante e qual è la media ritenuta giusta per il proprio sito web

La frequenza di rimbalzo è un’analisi che misura il comportamento dei visitatori di un sito web o [...]

Blog Aziendale, perché è importante per un’attività

Indipendentemente dal fatto che tu abbia una piccola impresa o una multinazionale, avere e curare un blog è parte integrante della strategia di content marketing online.

Sono 4 i motivi per cui si deve scrivere un [...]
Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe