trend contenuti


Il content marketing e la SEO hanno raggiunto degli ottimi risultati. Ci stiamo dirigendo verso un futuro luminoso di contenuti più utili e tecnicamente sorprendenti che siano in linea con le abitudini, le preferenze e le esigenze di ricerca degli utenti. I contenuti stanno migliorando perché stiamo diventando più intelligenti su come creare strategie, ricercare, creare e pubblicare. Di conseguenza, il content marketing non è più un tipo di esperimento di marketing, ma una strategia collaudata che può funzionare per qualsiasi marchio. Allora, qual è il futuro per i contenuti? Ecco tre trend da conoscere.

Visual di livello superiore nel contenuto

Le piattaforme visivamente avanzate continueranno ad essere alla moda ora e in futuro. Dall'intrattenimento alla comunicazione, le persone stanno sfruttando il potere delle immagini dinamiche o interattive. Tra la prossima generazione di futuri adulti, i social media visivi regnano sovrani. Instagram, TikTok e Snapchat sono le piattaforme più popolari in cui gli adolescenti si incontrano. Per gli adulti, YouTube è la piattaforma più utilizzata, superando persino Facebook. A tal fine, le immagini nei contenuti diventeranno solo più interessanti e attraenti per gli utenti.

Ad esempio, sapevi che puoi creare i tuoi filtri e obiettivi di realtà aumentata (AR) per Snapchat? Senza dimenticare i filtri AR di Instagram. Puoi crearne uno tuo per le storie. Un'altra tendenza è quella di creare le GIF da video clip tramite Giphy. Le possibilità sono infinite. Ora e in futuro, vedremo più professionisti del marketing che traggono vantaggio da immagini dinamiche, personalizzate e con marchio per i loro contenuti.

Contenuti video e narrazione visiva

Con la popolarità di YouTube, le immagini dinamiche e l'AR, i contenuti video e la narrazione visiva sono destinati a continuare la loro rapida ascesa. La preferenza dei consumatori per i contenuti video si sta manifestando su tutta la linea, anche all'interno di Instagram Stories. Secondo uno studio di Socialinsider, il tasso di tap-forward (il numero di persone che toccano i loro schermi per passare al contenuto successivo nel loro feed) è di circa il 5,65% superiore per le immagini rispetto ai video. Ciò significa che più persone si fermano e guardano le storie video per tutto il tempo. La percentuale di tap-forward per le immagini è ancora più alta per i marchi con un numero maggiore di follower: 5,79% per gli account con 10.000 - 100.000 follower e 6% per gli account con oltre 100.000 follower. C'è anche una preferenza per i video nel marketing:

  • Il rapporto sullo stato del marketing video di Wyzowl ha rilevato che l' 84% delle persone è stato convinto ad acquistare un prodotto / servizio guardando un video. Un altro 79% ha affermato che guardare un video li ha convinti a scaricare un'app o un software.
  • Dallo stesso sondaggio, il 69% ha affermato che preferirebbe guardare un breve video per conoscere un prodotto / servizio. Per confronto, solo il 18% preferirebbe leggere un articolo di testo, la prossima scelta popolare.
  • Secondo un sondaggio HubSpot su oltre 3.000 consumatori, il 56% dei 25-34enni e il 54% dei 35-44enni vogliono vedere più contenuti video dei marchi che supportano.

Non dimentichiamo che YouTube è il secondo motore di ricerca più popolare (solo dietro Google). Inoltre, 1 Millennial e Gen Z su 2 afferma di " non sapere come farebbero ad affrontare la vita " senza video. Cosa significa tutto questo per i professionisti del marketing? Poiché le abitudini e le preferenze dei consumatori si spostano continuamente verso i contenuti video, dobbiamo stare al passo.

Ovviamente, ciò che distingue i contenuti video di successo dalle cose che ottengono cinque visualizzazioni totali è la qualità della narrazione. Devi essere in grado di coinvolgere i lettori attraverso qualsiasi mezzo, incluso il video. Se sai raccontare storie fantastiche, sei a metà strada.

Aumentare il tuo EAT

Alcuni anni fa, Google ha pubblicato un blog su Webmaster Central con un promemoria sui suoi aggiornamenti principali e su cosa fare al riguardo. Nello specifico, il blog ha raccomandato un'azione che molti di noi hanno già fatto: leggere / comprendere le linee guida per la valutazione della qualità della ricerca e EAT ( Competenza, Autorevolezza, Affidabilità ).

Il fatto che Google abbia specificamente indicato questa risorsa e abbia individuato EAT è un enorme suggerimento. Dobbiamo essere tutti concentrati nel dimostrare competenza, autorità e fiducia nei nostri contenuti. Come provi il tuo EAT?

  • Guadagnando collegamenti o citazioni da altri siti Web di autorità.
  • Fornendo informazioni EAT sul tuo sito, inclusa una biografia e le credenziali sulla tua pagina delle informazioni e sulle pagine dell'autore.
  • Collegamento a fonti autorevoli per supportare statistiche, dati e fatti nel contenuto.
  • Aggiornare regolarmente il tuo sito e i tuoi contenuti con informazioni pertinenti, accurate e attuali

Inoltre, i tuoi contenuti devono essere eccezionali. I contenuti ben realizzati, utili per l'utente e mirati, supportati da EAT sono sempre valorizzati.


Hosting WordPress

Sviluppi siti in WordPress? Scopri la promozione


Ti potrebbero interessare

VMware: cos'è e perché deve essere usato

Creare una macchina virtuale sul tuo computer può avere numerosi vantaggi. Andiamo alla scoperta di VMware

VM Ware è un software che crea una “macchina virtuale” sul tuo computer. Lanciato da VMWare Inc a Palo Alto, [...]

Come scegliere un dominio, cosa fare e cosa non fare

Hai pensato ad un sito web e stai cercando il nome di un dominio? Ecco cosa devi fare e cosa non devi assolutamente fare

Ti sei imbattuto in un nuovo brillante concetto. E adesso cosa? Prima di trasformare la tua idea in business, [...]

Cos’è e quali vantaggi ha lo Smart Bidding di Google Ads

Una delle funzionalità più interessanti introdotto da Google di recente è lo Smart Bidding. Questo strumento permette di automatizzare le offerte da fare e sostituire la scelta manuale da parte dell’utente. Grazie ad un algoritmo [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe