SEO su Bing è diverso rispetto a Google


Scrivere un titolo è facile. Scrivere un titolo INTERESSANTE, invece, è davvero complicato!

Ci sono headline che funzionano e altre che, loro malgrado, lasciano un po’ a desiderare.

Oggi ci avventuriamo nello strano mondo dei titoli persuasivi, dove basta una parola per sovvertire completamente l’interesse dell’utente e farlo arrivare da te – e non da qualcun altro. Il titolo è, insieme all’immagine, il biglietto da visita per eccellenza di ogni tuo scritto online. Ecco perché dev’essere incisivo, efficace e, al tempo stesso, non troppo di cattivo gusto. Dobbiamo identificarci, dare un’idea precisa della nostra tecnica di comunicazione e non scadere nei mezzucci che troppo spesso vengono utilizzati per creare diffusione in maniera virale e, al tempo stesso, priva di spessore.

Scrivere titoli efficaci si può?

Scrivere un titolo su WordPress è facile: devi semplicemente compilare il campo in testa all’articolo. Il punto è che un titolo non vale l’altro, e scrivere un headline che faccia voltare la testa in un mondo pubblicitario e sempre eclatante come l’internet diviene ogni giorno più difficile. Ecco perché è importante definire gli argomenti, i temi e i modi in cui essi verranno affrontati sul blog. Come vuoi comunicare? Il titolo dice molto di te. Di chi sei. Di quello che vuoi che gli utenti raccolgano dalla tua comunicazione.

Dopo un buon lavoro sulla keyword research, infatti, è opportuno effettuare la formulazione di titoli che siano:

  • Informativi
  • Persuasivi
  • Ottimizzati SEO

Informativi va da sé: che cosa troverà l’utente in questo articolo? La persuasività richiede una spinta in più. Come calibrare le parole in maniera tale che non solo il titolo sia informativo, ma risvegli anche l’interesse del lettore sull’argomento. Ultima, ma non per importanza, è invece l’ottimizzazione SEO. Questo bizzarro accostamento di termini significa che il titolo deve includere quante più parole chiave utili possibile, così da dare un imput vincente ai motori di ricerca.

Ecco qualche suggerimento per inserire elementi accattivanti nel titolo:

  • Utilizza i numeri. Che sia un elenco di “5 cose che…” oppure un dato statistico (es: il 30% degli italiani fa questo), i numeri danno un’impressione di preparazione sull’argomento, ricchezza di contenuti e precisione. In poche parole, i numeri sono un ottimo modo per dare al titolo un senso concreto, portandolo nella direzione giusta.
  • Domanda e risposta. La domanda che si pone l’utente mentre cerca l’argomento di cui hai scritto può essere il gancio perfetto per tirarlo dentro nel tuo piccolo universo di blogging. Sfrutta questa saggezza!
  • Come fare per… Il tutorial per eccellenza. Insomma: se vuoi dare un’impressione autorevole al tuo blog, è a questo formato che devi fare riferimento più spesso.
  • Collegare cause ed effetto. “Hai un problema? Forse è perché stai facendo così”. Questo genere di titoli aiuta l’utente ad entrare nel mood della problematica, facendogli capire che tu hai effettivamente una risposta alla sua problematica nell’esattezza.

E tu, quali altri formati aggiungeresti?


Ti potrebbero interessare

Il tuo blog perde visite: puoi risolvere il problema?

Situazione disastrosa: il grafico delle tue visite è in costante discesa e stai assistendo impotente al tuo peggior incubo che si realizza. Stai perdendo visite. Magari poco alla volta, magari tutto in poco tempo. La prima cosa che ti [...]

Che differenza c’è tra hosting e dominio?

Dominio e hosting: la differenza

Differenze principali tra hosting e dominio: due cose molto, molto differenti di cui, a volte, si tende a fare confusione.

Chiunque voglia partire con un suo progetto indipendente online [...]

Come scegliere un hosting WordPress per il tuo nuovo CMS

Come scegliere l’hosting WordPress per il tuo nuovo CMS

Aziende Italia offre un servizio di hosting di prima qualità per il tuo CMS WordPress con blog o sito web. Precisione, performance e assistenza.

Ogni professionista ti [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe