Google ha recentemente comunicato che a partire da Febbraio 2017 tutti i siti che raccolgono dati sensibili (password, carte di credito ...) che siano sprovvisti di protocollo HTTPS verranno automaticamente classificati come non sicuri da Chrome.

La classificazione di applica anche se la raccolta avviene in una singola pagina, ad essere protetto da HTTPS deve essere l'intero sito web.

Considerando che Google Chrome è ad oggi il browser maggiormente diffuso, il rischio che il proprio sito sia penalizzato per un'ampia fetta di utenza è molto elevato. Se poi a questo si aggiunge che già da tempo l'utilizzo di HTTPS è un parametro rilevante nell'indicizzazione sul Google, diventa chiaro come per un sito web che veicoli contenuti professionali l'utilizzo del protoccollo sicuro sia ormai fondamentale.

Come è opportuno muoversi ? Acquista un certificato SSL e proteggi subito il tuo sito web.

Con l'offerta di certificati SSL di AziendeItalia è possibile trovare la soluzione più adatta, sia che si tratti di un singolo dominio, multidominio o wildcard. Trova il certificato SSL più adatto al tuo sito.




Ti potrebbero interessare

Cos'è Google Trends e come usarlo in chiave SEO

Cos'è Google Trends e come usarlo in chiave SEO

Tutto quello che c’è da sapere su uno strumento gratuito proposto da Google e come può aiutare l’ottimizzazione SEO del tuo sito o ecommerce

Google Trends è una [...]

La frequenza di rimbalzo, un parametro da conoscere

Cosa si intende per frequenza di rimbalzo, perché è così importante e qual è la media ritenuta giusta per il proprio sito web

La frequenza di rimbalzo è un’analisi che misura il comportamento dei visitatori di un sito web o [...]

Blog Aziendale, perché è importante per un’attività

Indipendentemente dal fatto che tu abbia una piccola impresa o una multinazionale, avere e curare un blog è parte integrante della strategia di content marketing online.

Sono 4 i motivi per cui si deve scrivere un [...]
Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe