Google ha recentemente comunicato che a partire da Febbraio 2017 tutti i siti che raccolgono dati sensibili (password, carte di credito ...) che siano sprovvisti di protocollo HTTPS verranno automaticamente classificati come non sicuri da Chrome.

La classificazione di applica anche se la raccolta avviene in una singola pagina, ad essere protetto da HTTPS deve essere l'intero sito web.

Considerando che Google Chrome è ad oggi il browser maggiormente diffuso, il rischio che il proprio sito sia penalizzato per un'ampia fetta di utenza è molto elevato. Se poi a questo si aggiunge che già da tempo l'utilizzo di HTTPS è un parametro rilevante nell'indicizzazione sul Google, diventa chiaro come per un sito web che veicoli contenuti professionali l'utilizzo del protoccollo sicuro sia ormai fondamentale.

Come è opportuno muoversi ? Acquista un certificato SSL e proteggi subito il tuo sito web.

Con l'offerta di certificati SSL di AziendeItalia è possibile trovare la soluzione più adatta, sia che si tratti di un singolo dominio, multidominio o wildcard. Trova il certificato SSL più adatto al tuo sito.




Ti potrebbero interessare

VMware: cos'è e perché deve essere usato

Creare una macchina virtuale sul tuo computer può avere numerosi vantaggi. Andiamo alla scoperta di VMware

VM Ware è un software che crea una “macchina virtuale” sul tuo computer. Lanciato da VMWare Inc a Palo Alto, [...]

Come scegliere un dominio, cosa fare e cosa non fare

Hai pensato ad un sito web e stai cercando il nome di un dominio? Ecco cosa devi fare e cosa non devi assolutamente fare

Ti sei imbattuto in un nuovo brillante concetto. E adesso cosa? Prima di trasformare la tua idea in business, [...]

Cos’è e quali vantaggi ha lo Smart Bidding di Google Ads

Una delle funzionalità più interessanti introdotto da Google di recente è lo Smart Bidding. Questo strumento permette di automatizzare le offerte da fare e sostituire la scelta manuale da parte dell’utente. Grazie ad un algoritmo [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe