Google ha recentemente comunicato che a partire da Febbraio 2017 tutti i siti che raccolgono dati sensibili (password, carte di credito ...) che siano sprovvisti di protocollo HTTPS verranno automaticamente classificati come non sicuri da Chrome.

La classificazione di applica anche se la raccolta avviene in una singola pagina, ad essere protetto da HTTPS deve essere l'intero sito web.

Considerando che Google Chrome è ad oggi il browser maggiormente diffuso, il rischio che il proprio sito sia penalizzato per un'ampia fetta di utenza è molto elevato. Se poi a questo si aggiunge che già da tempo l'utilizzo di HTTPS è un parametro rilevante nell'indicizzazione sul Google, diventa chiaro come per un sito web che veicoli contenuti professionali l'utilizzo del protoccollo sicuro sia ormai fondamentale.

Come è opportuno muoversi ? Acquista un certificato SSL e proteggi subito il tuo sito web.

Con l'offerta di certificati SSL di AziendeItalia è possibile trovare la soluzione più adatta, sia che si tratti di un singolo dominio, multidominio o wildcard. Trova il certificato SSL più adatto al tuo sito.




Ti potrebbero interessare

Blogging per eCommerce: spunti di riflessione

Blogging per eCommerce: acquisire nuovi contatti

La vendita diretta non è l’unico modo per ottenere nuovi acquirenti. A volte, il blog è la risposta giusta alla tua domanda.

Si può creare un blog focalizzato a lanciare un [...]

5 errori da non fare sul tuo blog aziendale

Ci sono tante regole da rispettare per creare un blog aziendale ben congeniato. Tuttavia, a volte, bisogna anche sapere cosa è più giusto fare in relazione al proprio settore.

Gli errori capitano e tutti possono [...]

Il blogging ai tempi del Coronavirus: cos'è cambiato?

Verificare le fonti, controllare i contenuti e tenere d’occhio i trend di ricerca. Ecco il lavoro di un copy all’epoca del COVID.

I momenti di difficoltà non sono mancati per nessuno. Potrà sembrare strano, ma anche le [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe