Piano editoriale e newsletter


Rafforzare il piano editoriale del blog con una Newsletter

Hai mai pensato di integrare al tuo piano editoriale una newsletter? Sarebbe ora di cominciare se vuoi davvero far decollare il tuo progetto!

Ci sembrano obsolete e, più spesso che no, possono finire nella classificazione pubblicitaria venendo dunque bellamente ignorate. Le newsletter sono però uno strumento di inbound marketing potentissimo: in primo luogo perché, se ben eseguite, creano un’interazione diretta con l’utente. In seconda istanza perché non esiste strumento migliore per integrare il blog a un elemento esterno che riesca ad attirare utenza altamente profilata.

In linea di massima, è buona norma pensare che una mail possa avere molta più visibilità di un post sui social. Questo perché la ricezione di una newsletter non è mai vincolata dai rigidi algoritmi di visualizzazione di Facebook o Instagram. Tuttavia, se si vuole davvero centrare l’obiettivo, è necessario adottare una importante strategia di email marketing.

In pratica, è necessario integrare il piano editoriale del proprio blog con una serie di invii programmati destinati ad amplificare l’attenzione dell’utente su alcuni contenuti specifici. Partiamo comunque dal presupposto che tu conosca i principi dell’email marketing e disponga già di una piccola mailing list, destinata a crescere nel tempo vista la tua capacità di migliorare la focalizzazione dei contenuti.

Se è già sul blog, probabilmente non deve diventare anche newsletter

L’utente medio viene bombardato ogni giorno da centinaia di email, molte delle quali possono essere classificate come newsletter. Il tuo obiettivo, naturalmente, è quello di spiccare dalla folla ed emergere con contenuti che sappiano attirare l’attenzione. La prima regola d’oro se vuoi integrare blog e newsletter, dunque, è quella di creare contenuti appositi per quest’ultima – agganciandoti ad argomenti che hai già trattato sul blog.

In sostanza, l’utente deve percepire che la newsletter sia il premio per aver consegnato la sua email, e il suo contatto, alla tua mailing list. Deve trattarsi di un processo naturale, e mai forzato. Gli iscritti ricevono la tua email, che contiene elementi preziosi e informazioni utili diversamente non presenti sul blog. Contenuti esclusivi realizzati appositamente per una cerchia ristretta di privilegiati. Un regalo, in pratica.

Condividi conoscenze, risorse, link e consigli. Sii confidenziale. Sii corretto. E soprattutto, inserisci collegamenti al tuo form di contatto e ad altri articoli del tuo blog che l’utente può utilizzare per approfondire gli argomenti di cui hai trattato. Non c’è niente di meglio di un buon esercizio di copywriting per invitare gli utenti a cogliere l’imperdibile occasione che stai offrendo loro con questa newsletter.

Qualità al primo posto

Magari stai pensando di pubblicare un e-book con tutti i consigli che hai, da sempre, raccolto nel tuo blog. Stai preparando dei contenuti che riassumono e compongono il tuo know-how sulla materia. L’occasione della newsletter è perfetta. Invialo gratuitamente a tutti coloro che sono iscritti o vogliono iscriversi alla mailing list. In questo modo, riuscirai non solo a fidelizzare il cliente con contenuti di qualità vera – ma sarai anche in grado di raccogliere contatti altamente profilati e – soprattutto – interessati all’argomento che tratti. Due piccioni con una fava.

Hai mai utilizzato le newsletter? Noi possiamo aiutarti!


Ti potrebbero interessare

Server dedicati: cosa sono e come usufruirne nel modo migliore

Cosa sono i Server dedicati

I server dedicati sono uno strumento molto importante per chiunque abbia intenzione di migliorare la propria esperienza su Internet sotto ogni punto di vista. In linea di massima, un server [...]

Hosting per WordPress: di cosa parliamo esattamente?

Ci troviamo davanti ad una precisa terminologia informatica che però, in breve, sta a rappresentare un servizio molto semplice: che tu sia una piccola azienda o un nome già importante sul mercato, hai la possibilità di pubblicizzare e [...]

Cosa serve per aprire un sito WordPress

Prima di poter aprire un sito in WordPress il dubbio che a tutti viene è il suo costo effettivo. Non c’è una reale risposta univoca a questo interrogativo. Sostanzialmente tutto varia in base al tipo di piattaforma che si ha in mente [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe