Commenti del blog WordPress


Disabilitare i commenti del tuo blog in WordPress: perché farlo

I commenti degli utenti identificano la differenza primaria tra sito web e blog. Li abiliti o li disabiliti?

Tra esperti se ne parla spesso, e più spesso che no le opinioni sono contrastanti e separano le scuole di pensiero. Il dilemma: abilitare o disabilitare i commenti WordPress? Quale delle due soluzioni è più giusta in termini di rispetto e crescita della community, permettendoti comunque di respirare e condurre una vita anche fuori dal blog?

Disabilitare i commenti in WordPress: è una buona idea?

Ci sono tanti motivi per disabilitare la sezione commenti del tuo blog WordPress. Magari non hai tempo di starci dietro, magari hai paura dello spam o vorresti evitare commenti al vetriolo di qualche utente con la luna di traverso. In linea di massima la regola è che se disabiliti i commenti hai qualcosa da nascondere, oppure tendenzialmente hai poco tempo da dedicare all’utente finale. Una buona regola, dunque, è quella di inserire dei parametri di moderazione che possano aiutarti a capire quando il post è nocivo, creando un filtro diretto che ti permette di correggere la direzione dei commenti.

In linea generale, chi ha un blog non dovrebbe mai disabilitare i commenti, prima fonte di interazione diretta con il parere degli utenti. Perché bloccare l’unico modo che ha il pubblico per farci sapere che cosa ne pensa e fornirci un punto di vista interessante su un argomento?

I commenti degli utenti identificano la differenza primaria tra sito web e blog. Il sito è un’entità statica e strutturata dove tutto rimane fisso e difficilmente cambia. Il blog, invece, è una creatura che cresce (almeno) una volta alla settimana, cambia e si evolve. Un’entità che richiede feedback e, soprattutto, ha bisogno del riscontro costante degli utenti che lo seguono.

Perché chiudere i commenti del blog?

Esistono vari motivi che spingono i proprietari a chiudere definitivamente la sezione commenti del loro blog:

  • Poco tempo da dedicare ai commenti e alla loro moderazione: commenti disabilitati.
  • Gli utenti fanno domande scomode sul prodotto o sul brand? Commenti disabilitati.
  • Pochi commenti in generale? Meglio chiudere tutto.

Puoi chiudere i commenti entrando nella pagina Impostazioni > Discussioni. Da qui scegli la spunta “Consenti la scrittura di commenti per i nuovi articoli” e disabilita tutto. Puoi anche decidere di disabilitare i commenti nei singoli articoli, così da creare un intervento più mirato e meno “definitivo”.

Perché non chiudere i commenti del blog?

I commenti sono uno strumento prezioso che funge da termometro per i tuoi contenuti. Sono ideali per capire come i tuoi contenuti sono percepiti dal pubblico e, ancora meglio, sono contenuti a loro volta – e offrono sfumature di approfondimento che potresti non aver affrontato nel testo. Aggiungiamo anche che i commenti creano community e aggregazione sociale, e fanno del tuo blog un centro di confronto tra vari appassionati dell’argomento. Inoltre, attraverso le risposte individuali ai commenti puoi dare idea alle persone del volto umano che si cela dietro ai contenuti di qualità.


Ti potrebbero interessare

I trend da conoscere nel mondo dei contenuti

Il content marketing e la SEO hanno raggiunto degli ottimi risultati. Ci stiamo dirigendo verso un futuro luminoso di contenuti più utili e tecnicamente sorprendenti che siano in linea con le abitudini, le preferenze e le esigenze di [...]

Super Follow, la nuova funzione di Twitter per monetizzare

Continua la sfida tra i vari social network per migliorare le piattaforme e offrire sempre più funzionalità per gli utenti. Questa volta è il turno di Twitter che ha annunciato un paio di grandi funzionalità in arrivo: la possibilità [...]

Google e l’impatto dell’aggiornamento sui Core Web Vitals

Google e l’impatto dell’aggiornamento sui Core Web Vitals

Danny Sullivan di Google ha recentemente discusso dell'impatto previsto dall’aggiornamento del motore di ricerca in merito all’introduzione dei Core Web Vitals [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe