WordPress: guida ai tag perfetti


WordPress: guida ai tag perfetti

Sai a che cosa servono i tag agli articoli pubblicati su WordPress? Te lo spieghiamo in un attimo.

Sembrano privi d’importanza e, soprattutto all’inizio, è facile sottovalutarli e creare molta confusione. Stiamo parlando dei tag e della loro gestione ottimizzata per WordPress. Un sofisticato sistema di incasellamenti che può fare la differenza tra un blog chiaro e uno molto, molto disordinato.

Che cosa sono i tag su WordPress?

I tag sono sistemi di tassonomie che permettono di etichettare un articolo, così che questo possa essere inserito in un elenco di contenuti simili. I tag organizzano i contenuti per tema, dunque, e offrono un ulteriore metodo di classificazione degli articoli così da permettere all’utente di approfondire la sua conoscenza sull’argomento semplicemente facendo click sul tag. Ogni articolo, naturalmente, può avere più tag, e dunque associarsi a differenti argomenti in base al contenuto specifico.

I tag si creano manualmente in due modi diversi: dal menù di pubblicazione di un articolo, oppure dalla sezione WordPress dedicata a quella tassonomia. Da quella sezione puoi anche vedere tutti i tag a tua disposizione e capire come sistemarli, riordinarli e individuare eventuali ridondanze: per esempio, il tag “bellezza” e “beauty” dovrebbe essere unificato. In poche parole, i tag devono essere delle risorse e non delle complicazioni, e svolgono la loro funzione anche in veste di strumento SEO che piace ai motori di ricerca come Google.

Non aggiungere tutti i tag che ti vengono in mente!

La scelta dei tag dev’essere lineare, snella e funzionale. “Less is more” vale anche per questo argomento: a nessuno piacciono i post su Instagram farciti di hashtag, e a nessuno piace trovarsi 40 tag sotto i post del proprio blog, molti dei quali ripetitivi.

Ecco perché i tag “bellezza” e “beauty” sono in dissonanza tra loro: vogliono dire la stessa cosa e possono entrare in contrasto tra loro facendoti fare confusione. Creati uno schema mentale di tag che non si sovrappongono e che anzi, creano una utile schematizzazione dei contenuti e ti permettono di suddividerli in maniera razionale e smart.

Quanti tag per ogni articolo?

Il buon blogger non ha dubbi: dopo aver categorizzato un articolo, è fondamentale aggiungere massimo uno o due tag. Se pensi che il post non abbia tag di riferimento esistenti, creali oppure lascialo senza. Utilizzerai di nuovo quel tag? Se la risposta è che “probabilmente no”, quel tag non dovrebbe essere creato! I tag ti permettono dunque di evitare sovrapposizioni e ti consentono di creare un ordine interno dei contenuti che non si rifà esclusivamente alla categoria.

Esistono penalizzazioni per aver usato troppi tag?

La risposta è che non esistono penalizzazioni ufficiali per chi fa uso e abuso dei tag nei suoi articoli WordPress. Tuttavia, gli effetti negativi sono evidenti già dopo qualche settimana di pubblicazione incontrollata, con tag simili e inutili che confondono le idee agli utenti e, sostanzialmente, non facilitano la navigazione ma la complicano, trasformando il blog in un dedalo inestricabile di parole simili che portano a contenuti diversi.


Ti potrebbero interessare

La frequenza di rimbalzo, un parametro da conoscere

Cosa si intende per frequenza di rimbalzo, perché è così importante e qual è la media ritenuta giusta per il proprio sito web

La frequenza di rimbalzo è un’analisi che misura il comportamento dei visitatori di un sito web o [...]

Blog Aziendale, perché è importante per un’attività

Indipendentemente dal fatto che tu abbia una piccola impresa o una multinazionale, avere e curare un blog è parte integrante della strategia di content marketing online.

Sono 4 i motivi per cui si deve scrivere un [...]

Come creare una campagna pubblicitaria su Facebook

Come creare una campagna pubblicitaria su Facebook

Dagli obiettivi alla segmentazione del pubblico, tutto quello che serve per creare una campagna pubblicitaria su Facebook

La pubblicità su Facebook è un modo importante per [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe