WordPress: le foto da evitare nei tuoi post


Blogging WordPress e non: le foto da evitare nei tuoi post

Come scegliere le immagini per il tuo blog? Abbiamo creato una breve guida a quello che dovrebbe esserci e quello che, invece, dovresti evitare.

Stai mettendo a punto il tuo articolo perfetto e hai bisogno di ogni possibile conferma per essere sicuro di trovarti sulla strada giusta. Hai controllato i contenuti, la densità delle parole chiave, l’ottimizzazione SEO, i grassetti e perfino la grammatica. Che cosa manca? Naturalmente, hai bisogno di una buona fotografia, capace non solo sia capace di calamitare l’attenzione dell’utente ma crei anche la giusta risonanza con i contenuti a cui si rivolge. Un’impresa tutt’altro che da sottovalutare!

Come si sceglie l’immagine di un articolo del blog?

Questa è la domanda da un milione di dollari che gli esperti si sentono rivolgere fin troppo spesso. Che cosa significa, esattamente, inserire una buona immagine? Ma soprattutto, qual è la definizione da manuale di immagine di qualità?

Abbiamo fatto un elenco delle caratteristiche che dovrebbero accomunare tutte le foto del web, nel limite dello scibile, nel tentativo di aiutarti ad avere le idee più chiare la prossima volta che dovrai scegliere una foto:

  • L’immagine deve essere leggera e, al tempo stesso, a una buona risoluzione. A niente servono le foto ultra definite se poi non caricano nei tempi prestabiliti. Diciamo che una buona foto per blog non dovrebbe mai superare i 200 KB. Esistono molti tool online che vi permettono di alleggerire il peso delle foto e di pubblicarle in tutta sicurezza.
  • Devono essere a pieno schermo, senza rientri laterali. La foto è bella: perché striminzirla con dei ridimensionamenti forzati?
  • Dev’essere SEO friendly: ogni foto va compilata nei suoi campi ALT e descrizione. In questo modo, sarà facilmente reperibile dai motori di ricerca.
  • Deve creare risonanza col contenuto. Le foto devono essere pertinenti e creare una associazione mentale diretta con il contenuto a cui fanno riferimento.

Da dove si prendono le foto di qualità? Ma soprattutto, le devi pagare? La risposta è no. Spesso, su internet si trovano ottime foto senza diritti da utilizzare sul proprio blog apponendo i giusti crediti al loro creatore. Vai su Pexel, Pixabay o Unsplash e cerca la foto che fa per te. Naturalmente, pagando la quota mensile è più facile individuare fotografie idonee al tuo scopo. Ma se stai cominciando e non vuoi investire, quelle gratuite andranno benissimo, a patto che rispettino i 4 punti di cui sopra!

Le foto da non usare mai? Quelle che hai già visto migliaia di volte

Se ti capita spesso di navigare sul web, le hai viste di sicuro: le classiche foto di stock dove impiegati felici sorridono alle cuffie con microfono e guardano trasognati lo schermo del computer. Non sono foto di qualità e, soprattutto, non sono foto nuove: se puoi, evitale.

La tua attività non è mai così generica che tu non possa essere in grado di trovarne altre più mirate e adeguate allo scopo! Evita i cliché e trova un’identità anche nelle immagini che selezioni. La ricerca di immagini sarà più un fastidio necessario, ma un divertimento vero e proprio.


Ti potrebbero interessare

Youtube Advertising, la pubblicità su YouTube

Youtube ha ormai raggiunto più di un 1 miliardo di ore al giorno di video suddivise fra circa 30 milioni di visitatori. Una popolarità straordinaria che apre le porte anche alla possibilità di fare pubblicità attraverso la [...]

Google Analytics, le nuove funzionalità per migliorare il ROI

Negli ultimi giorni Google ha annunciato cambiamenti radicali per Analytics con l’inserimento di quattro funzionalità che rivoluzioneranno l’approccio che gli utenti hanno nei confronti di questo utilissimo strumento. Le 4 [...]

Cos'è un funnel di vendita

Cos'è un funnel di vendita

In una strategia di digital marketing è fondamentale comprendere cosa sia un funnel di vendita e come portare un utente ad acquistare un prodotto del proprio ecommerce

Quando le persone visitano il [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe