SEO Link di alta qualità


Link di alta qualità: ecco come si ottengono

Come ottenere i link di alta qualità? Ne parliamo nell’articolo di oggi, che ti spiega meglio l’importanza dell’autorevolezza.

La settimana scorsa vi abbiamo parlato dell’importanza dei backlink all’interno di un piano SEO ben organizzato. Quest’oggi, ci concentriamo invece su quanto sia importante che i link che puntano ad un sito non siano sono diversi, ma corrispondano anche a determinati standard di qualità. La definizione, naturalmente, come tutto il resto della SEO, cambia radicalmente di anno in anno. Quindi ci chiediamo: che cos’è un link di alta qualità nel 2019? Come ottenere backlink di livello superiore e fare la differenza?

Come ottenere backlink di qualità?

Parte della soluzione è insita nella risposta a “che cos’è un backlink”? Stiamo parlando infatti di quei link che rimandano al nostro sito con uno scopo molto preciso: creare un approfondimento e conferire informazioni all’utente che vi fa click. Detto ciò, ricordiamo che i link, quelli di buona qualità, vengono menzionati tra i primi tre fattori di ranking per un sito web.

Un link di buona qualità vale molto più di diversi link di bassa qualità collocati all’interno del testo. Erroneamente, si pensa infatti che “facendo numero”, il crawler di Google possa interpretare i link in maniera più positiva. Attenzione anche a non ricadere nelle tecniche di black hat che sembrano “la scorciatoia” verso il podio e, in realtà, possono rivelarsi così pericolose da non valere la pena di essere prese in considerazione.

Puoi ottenere link di alta qualità seguendo alcune procedure di content marketing:

  • Prima di ricevere un backlink, devi essere sicuro di star pubblicando contenuti assolutamente originali, di utilità e di grande qualità. Ottimi allo scopo sono i list post, le research data e le guide che contengono approfondimenti.
  • Attivarsi nelle community online, dando risalto ai propri contenuti, permette di attirare l’attenzione e invogliare il pubblico a rilasciare un link. Creando un account, ad esempio, su community come Crunchbase, si ottiene immediatamente un link di alta qualità con DA 91.
  • Ottimizzazione del proprio sito web. La cattiva architettura è fonte di guai anche lato SEO. Google prende in alta considerazione la frequenza di rimbalzo, ovvero la % di utenti che entrano sul sito ed escono immediatamente, catalogandola come un sinonimo di bassa qualità. Attenzione anche alla velocità del sito web e alla scelta di un buon hosting.

Come riconoscere un link di alta qualità?

Quando scegli i tuoi link, verifica i seguenti fattori:

  • Autorevolezza della pagina di collegamento: la pagina che si collega è autorevole? Se una pagina di qualità ha notato il contenuto, questo dovrebbe essere di impatto e rilevante.
  • Autorevolezza del sito di collegamento. L’autorità del sito di collegamento è un’indicazione importante per Google misurata in relazione alle scale di valutazione del dominio e autorità del dominio.
  • Rilevanza del contenuto. Il PageRank non ha valore se il contenuto del sito web in collegamento è irrilevante o non pertinente. Se vendiamo prodotti metalmeccanici, a nulla ci serve che Coca Cola ci riservi un link. Questo perché, alla base della link building, la pertinenza è la cosa più importante che ci si aspetta. Se non fornisce informazioni d’approfondimento, non ha valore.