Ottimizzare il sito per la SEO


5 attività SEO e 5 tools per ottimizzare il proprio sito

In questo articolo abbiamo raccolto 5 attività SEO e 5 tools per svolgere al meglio la propria attività di posizionamento online

Capita spesso che durante la redazione di contenuti ci si ritrovi a procedere per “automatismi”, ovvero processi standardizzati di scrittura che, talvolta, possono farci perdere di vista l’obiettivo SEO delle pagine. In questo articolo abbiamo redatto un prontuario SEO Friendly per aiutare le imprese ad avere più successo nella loro scalata della SERP.

5 consigli SEO per migliorare il posizionamento

Prima di gettarsi sul codice, sulla grafica e sull’e-commerce, è importante che un’attività online attraversi un’analisi dettagliata dei contenuti e degli obiettivi. Ecco 5 punti importanti che non devono essere trascurati durante le attività di preparazione:

  • Verificare se lo spider di Google abbia effettivamente visitato il nostro sito è una delle attività prioritarie una volta andati online. Sintetizzando, le attività SEO non servono a molto se il motore di ricerca non sa nemmeno della nostra esistenza. Per fare ciò, è importante avere una sitemap corretta e verificare le pagine indicizzate attraverso la webmaster console.
  • Studiare la SERP ed estrapolare le parole chiave: se avete bisogno di un incoraggiamento o di un punto di riferimento per iniziare il vostro lavoro, cominciate dalla SERP, ovvero dalla pagina dei risultati di Google per il prodotto o il servizio che puntate a vendere. Questo processo non permette solo di capire “che cosa fanno gli altri” e prendere spunto, ma anche di valutare se esistono dei “buchi” dove è possibile inserirsi, senza per forza dover competere con pagine e parole chiave già molto indicizzate e difficili da raggiungere.
  • Contenuti freschi e frequenti: Google tiene in alta considerazione i siti aggiornati di frequente e i blog specializzati che pubblicano, con costanza, di argomenti specifici in maniera sempre approfondita. Ecco perché è importante prevedere una figura preposta alla stesura di materiale nuovo.
  • Ottimizzare la velocità delle pagine: aumentare la velocità di caricamento delle pagine è un metodo altamente efficacie per “fare bella figura” davanti agli algoritmi di Google. Ecco perché è importante trovare il giusto web hosting, che sappia guidarti anche attraverso l’uso saggio del protocollo https.
  • Non trascurare gli Snippets: la prima impressione è quella che conta, anche su internet. La prima volta che un utente vedrà il vostro risultato su Google, dovrà trovarlo abbastanza interessante da attirare il suo click. I rich snippet permettono al piccolo imprenditore di mostrare all’utente tutte le informazioni necessarie a invitare la visita dell’utente.

5 tools SEO by Google da non perdere

Google mette a disposizione vari strumenti per aiutare il webmaster a migliorare l’esperienza degli utenti che visitano i suoi contenuti. Ecco 5 tools che potrebbero aiutarti nella tua scalata verso il podio della SERP:

  • Speed Test Insight: questo tool permette di valutare se la velocità del tuo sito è sufficiente a reggere gli standard dell’utenza, aiutandoti a capire se le pagine sono considerate sufficientemente fruibili.
  • Google Adwords: La scelta delle keyword è complessa e va effettuata con i giusti strumenti. Uno di questi, anche in versione gratuita, è certamente Google AdWords, alleato insostituibile nella ricerca delle parole chiave.
  • Google Analytics: questo tool fornisce una panoramica realistica del rendimento del proprio sito web, percorrendo attraverso una dettagliata reportistica numerica visite, click, permanenza sul sito e ritorno. Questo ci permette di capire quali sono i contenuti che più invitano l’utente.
  • Google Suggest: come Google Trends, Suggest offre spunti per identificare argomenti da trattare. Suggest è il tool che “autocompleta” le nostre ricerche quando ci troviamo a digitare un’interrogazione del motore di ricerca Google.
  • Goole Trends: quali sono gli argomenti del momento e quante ricerche fanno le parole chiave? Trends è un tool che permette di capire quali sono i temi più ricercati e dare una geolocalizzazione precisa alle ricerche.

Con questa piccola guida, ci auguriamo che il webmaster alla ricerca di uno sviluppo SEO possa trovare finalmente uno spunto per dare inizio a un capitolo proficuo della sua carriera.