Blogging su WordPress: pubblicare ogni giorno?


Blogging su WordPress: ha senso pubblicare ogni giorno?

Pubblicazione quotidiana di articoli sul tuo blog WordPress: ha senso? Forse è meglio se ci rifletti bene.

Il tuo blog è pronto per essere lanciato. Ti sei organizzato con tutte le precauzioni e i progetti del caso: un piano editoriale dinamico, attività SEO on e off page, cornerstone contents e tantissime altre attività che ti sei premurato di verificare online e di realizzare meticolosamente. Il tuo sistema di hosting WordPress gestito, e con un po’ di fortuna hai deciso di scegliere il nostro, ti permette di non doverti preoccupare di nient’altro che della tua creatività.

Ora che hai stabilito un piano d’azione, sei carico come non lo eri da un po’. Perché dunque non schedulare un piano di pubblicazione su base quotidiana? Ci sono tantissimi motivi per farlo e altrettanti per non farlo. La decisione dipende soprattutto dal tipo di blog che hai intenzione di avviare e dalle scelte editoriali che ti stai proponendo.

Blogging: ha senso prevedere una pubblicazione su base quotidiana?

Pubblicare tutti i giorni è un lavoro che può arrivare a portarti all’esasperazione in pochi mesi, se non addirittura settimane. Riuscire a mantenere un livello qualitativo alto con la pubblicazione di articoli frequenti è un obiettivo davvero ambizioso, specialmente se si sta parlando di un blog personale o di un portale dedicato a un argomento relativamente piccolo. Diviene dunque essenziale trovare il giusto equilibrio tra frequenza di pubblicazione e nuove idee da depositare su carta digitale.

E se gli argomenti finiscono?

È difficile esaurire completamente un filone di idee, ma prima o poi potrebbe succedere. Pubblicando ogni giorno, la richiesta di contenuti pertinenti diviene talmente esigente da rendere molto difficile la pubblicazione costante per lunghi periodi di tempo. Il tuo piano editoriale non può e non deve limitarsi al primo mese, ma dev’essere elastico e spaziare nei molti mesi a venire.

Inoltre, è essenziale farsi una mappa mentale di tutti gli argomenti correlati o correlabili che possono arricchire il nostro blog senza causare off-topic o generare confusione. Dobbiamo prepararci non solo ad approfondire il nostro tema, ma instradare l’utente verso un bacino di contenuti ampio e ricco, così da renderci davvero eclettici e diversificare.

E se poi ti annoi?

Parlare ogni giorno dello stesso argomento può causare non pochi scompensi a livello di prestazioni. È naturale che dopo una serie di pubblicazioni serrate “l’entusiasmo” possa calare. Cerca sempre di centellinare le tue capacità e di dosare al meglio il tuo talento e la passione che nutri per l’argomento del tuo blog. La qualità risultante sarà manifesta a tutti!

Annoiarsi è uno dei rischi principali che si possono correre quando si vuole tutto e subito. Ci si annoia presto, si perde interesse per la materia e si finisce per abbandonare il progetto. Ma tu non sei qui per rinunciare: sei arrivato su questo blog perché hai bisogno di una spinta emotiva a fare meglio. E fare meglio non significa necessariamente fare di più. Work smarter, not harder!


Ti potrebbero interessare

La frequenza di rimbalzo, un parametro da conoscere

Cosa si intende per frequenza di rimbalzo, perché è così importante e qual è la media ritenuta giusta per il proprio sito web

La frequenza di rimbalzo è un’analisi che misura il comportamento dei visitatori di un sito web o [...]

Blog Aziendale, perché è importante per un’attività

Indipendentemente dal fatto che tu abbia una piccola impresa o una multinazionale, avere e curare un blog è parte integrante della strategia di content marketing online.

Sono 4 i motivi per cui si deve scrivere un [...]

Come creare una campagna pubblicitaria su Facebook

Come creare una campagna pubblicitaria su Facebook

Dagli obiettivi alla segmentazione del pubblico, tutto quello che serve per creare una campagna pubblicitaria su Facebook

La pubblicità su Facebook è un modo importante per [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe