Crawl Budget e perché ottimizzarlo


Crawl Budget e perché ottimizzarlo

Il crawl budget è un valore che determina quanto Google è interessato a scansionare le pagine del tuo sito. Ecco come verificarlo e migliorarlo.

Ci sono due domande molto importanti da rivolgersi durante il mantenimento di un sito web. La prima, certamente è: “il mio sito piace ai clienti?”, e le attività di interfaccia e semplificazione della navigazione possono aiutare a dare una risposta a questo quesito. L’altra domanda, più SEO, è: “Il mio sito piace a Google?” A questa, invece, è importante rispondere con la giusta strumentazione e i tools, talvolta messi a disposizione dalla stessa Big G, per verificare se il proprio sito è ottimizzato.

Uno degli strumenti più utilizzati per capire se il nostro sito è facilmente “compreso e digerito” da Google è Google Search Console, il quale offre delle statistiche di scansione del sito che permettono di farci un’idea più chiara del punto in cui ci troviamo.

Tra i molti parametri da tenere in considerazione, certamente dobbiamo menzionare il crawl budget, ovvero un valore che Google assegna al sito e che determina “gli sforzi” del motore di ricerca destinati al nostro sito. Più il valore di “crawl budget” è alto, più Google si dedicherà quotidianamente al nostro sito, scansionando, elaborando e analizzando immagini e testi per favorirne il posizionamento. In poche parole, un punteggio alto afferma che il nostro sito è tenuto in alta considerazione da Google, il quale ogni giorno si attiverà per scansionarlo e inserire sulla SERP le novità.

Ci sono due elementi in particolare che costituiscono il crawl budget, e che un webmaster attento dovrebbe prendere sempre in considerazione:

  • Il numero delle pagine sottoposte a scansione quotidiana: l’ideale è che questo punteggio sia più alto rispetto al numero totale di pagine presenti sul sito web, in maniera tale da non lasciare indietro niente.
  • Velocità di scaricamento della pagina: la velocità di download della pagina, direttamente legata alla potenza del server, è data al tempo che il bot di Google impiega a verificare le pagine. Un valore basso è assai più gradito, poiché questo parametro è direttamente proporzionale alla velocità del nostro sito – la stessa percepita anche dai clienti e che è così importante per la user experience.

Il crawl budget è dato da quanto Google vuole scansionare le tue pagine. Questa “volontà” è determinata da quanto sono popolari le tue pagine e quanto vecchio è il contenuto.

Dal blog di Google, e dalle parole di Gary Illyes, si evince che il crawl budget è un valore che dev’essere tenuto in alta considerazione solo dai siti più grandi. Quelli più piccoli o in fase di espansione non dovrebbero preoccuparsene troppo. «Dare la priorità alle cose da scansionare, quando darla e quante risorse il server può allocare al “crawling” dei bot è particolarmente importante per i siti più grandi, e quelli che generano automaticamente le pagine basandosi sui parametri URL».

Il crawl budget è nato per impedire a Google di investire troppe risorse nello scansionamento del sito, provocando rallentamenti e, nel peggiore dei casi, un crash.


Ti potrebbero interessare

Cosa serve per aprire un sito WordPress

Prima di poter aprire un sito in WordPress il dubbio che a tutti viene è il suo costo effettivo. Non c’è una reale risposta univoca a questo interrogativo. Sostanzialmente tutto varia in base al tipo di piattaforma che si ha in mente [...]

VMware: cos'è e perché deve essere usato

Creare una macchina virtuale sul tuo computer può avere numerosi vantaggi. Andiamo alla scoperta di VMware

VM Ware è un software che crea una “macchina virtuale” sul tuo computer. Lanciato da VMWare Inc a Palo Alto, [...]

Come scegliere un dominio, cosa fare e cosa non fare

Hai pensato ad un sito web e stai cercando il nome di un dominio? Ecco cosa devi fare e cosa non devi assolutamente fare

Ti sei imbattuto in un nuovo brillante concetto. E adesso cosa? Prima di trasformare la tua idea in business, [...]

Cisco
DELL
Intel
NetApp
OnApp
Ripe